Registrare chiamate con il cellulare

Come registrare una telefonata con il cellulare

Come registrare una telefonata? Niente di più semplice!

Se state leggendo questo articolo perché siete curiosi di sapere come registrare una telefonata, allora siete nel posto giusto.

Oggi, infatti, ci occuperemo di individuare quali siano i modi più semplici e immediati per riuscire a registrare una chiamata dal proprio cellulare.

Quando si pensa a come registrare una chiamata, le opzioni a disposizioni sono diverse, ma quella che risulta essere la meno complicata prevede l’installazione e l’utilizzo di un’app specifica sul proprio smartphone.

Sono tante, infatti, le applicazioni per device mobili in grado di svolgere le funzioni di un registratore di chiamate, così da permettervi di salvare il contenuto delle vostre chiamate senza troppi problemi.

Procediamo con ordine, però.

Prima di tutto, registrare una telefonata può rivelarsi utile in una serie di occasioni, soprattutto se si pensa al fatto che, ormai, le comunicazioni che avvengono tramite dispositivo mobile sono utilizzabili come mezzo di prova in un processo.

Ne abbiamo già parlato in precedenza, nell’articolo sul valore legale di certi tipi di prova. Basta qui ricordare come alle comunicazioni mobili, dalle mail agli sms, dalla messaggistica istantanea alle chiamate, sia stato riconosciuto pieno valore probatorio in sede processuale, mentre, per quanto riguarda le modalità della loro introduzione a processo vi rinviamo al nostro articolo precedente per avere maggiori dettagli.

Torniamo a noi, adesso, e capiamo come registrare una chiamata con iPhone o dispositivo Android.

In entrambi i casi, è possibile ricorrere ad applicazioni dedicate, ma ci si può servire anche di metodi diversi, come il ricorso ad un registratore esterno, che, però, per quanto possa essere utile allo scopo, è sicuramente meno pratico ed efficace.

Registrare una chiamata: è reato?

La sentenza della Corte di Cassazione n. 36747/2003 ha confermato che, quale che sia il motivo che spiga ad effettuare una registrazione, colui che la mette in atto non incorre in nessun reato né in una violazione della privacy, in quanto ha sostenuto che la registrazione fonografica di una conversazione da parte di uno degli interlocutori anche all’insaputa dell’altra parte non è un’intercettazione, in quanto svolta da un partecipante alla comunicazione e non da un soggetto terzo, che si intromette in un ambito privato.

Infatti, viene chiarito come ad essere illegale sia la registrazione effettuata da un terzo esterno alla chiamata, che non sia stato autorizzato dall’autorità giudiziaria.

Come registrare una telefonata: le app utili

Applicazioni per dispositivi Android

Call Recorder

Si tratta di un’applicazione scaricabile in modo gratuito dal Play Store sui dispositivi con sistema Android delle versione 4.0 o successiva.

L’applicazione chiederà all’utente i permessi necessari per l’accesso al microfono e alle chiamate; in seguito, per attivare la funzione registratore basta andare nell’app ed attivare l’opzione REC abilitato.

In questo modo, le chiamate in entrata o in uscita effettuate verranno registrate e i file audio saranno salvati nella memoria interna del dispositivo.

Nel corso della chiamata, vi sarà un’icona sulla barra in alto, che indicherà all’utente che la registrazione è in atto.

Ciò che rileva di questa app è la possibilità di salvare online i file audio attraverso il servizio di cloud storage, servendosi anche di Google Drive.

Per un’esperienza ancora più completa, è possibile scaricare la versione premium dell’app, Call Recorder Pro al costo di 5,49€, che prevede ulteriori funzioni.

ACR – Registratore di chiamate

Si tratta di un’app gratuita, disponibile anche in versione premium al costo di 1,99€.

Anche questa permette di registrare sia le chiamate effettuate che quelle ricevute e per attivare la funzione basta aprire l’app e attivare il registratore, selezionando il pulsante dal menu laterale.

Si tratta di un sistema semplice e intuitivo, facilmente utilizzabile anche dagli utenti meno esperti.

Inoltre, tramite l’app è possibile anche modificare gli audio delle registrazioni, estrapolandone una parte e salvandola in un file a parte.

RMC – Android Call Recorder

Ecco un’app gratuita perfettamente funzionante anche sui dispositivi più vecchi ed economici, anche se potrebbe non garantire un qualità di registrazione elevata su altri.

Una volta avviata l’app, è necessario concedere tutti i permessi per farla funzionare e cliccare sul pulsante del menu con i tre trattini orizzontali che si trova in alto a sinistra dello schermo, scegliendo la voce Impostazioni e premendo su Regording.

Spuntate la casella Attiva Servizio, se non è già selezionata, e da questo momento l’app registrerà in automatico tutte le chiamate.

Terminata la chiamata, potrete riascoltare la registrazione dalla sezione apposita dell’app, premendo sulla scheda Non organizzate di RMC: Android Call Recorder.

Altri metodi

Oltre alle app indicate in precedenza, ve ne sono altre perfette per registrare le chiamate sui dispositivi Android, tra le quali:

  • Registratore di chiamate automatico gratis: un’altra app gratuita per registrare le chiamate in modo gratuito e automatico è Call X, disponibile anche a pagamento in una versione ampliata al costo di 2,89€, priva di pubblicità e con la possibilità di sincronizzare le registrazioni con Google Drive e con Dropbox;
  • Call Recorder Registratore di chiamate: ideale per la registrazione automatiche delle chiamate in entrata e in uscita sul proprio smartphone; la sua versione a pagamento è priva di banner pubblicitari e ha un costo di 0,99€ al mese;
  • Cube ACR Registrazione delle chiamate: anche questa registra in automatico tutte le chiamate ricevute ed effettuate, ma la sua versione a pagamento, dal costo di 2,09€ per tre mesi, prevede anche funzioni avanzate, come la possibilità di esportare le registrazioni in formato MP4;
  • Registratore di chiamate: è un registratore di chiamate e si avvia in automatico; per evitare i fastidiosi banner pubblicitari, è sufficiente acquistare l’abbonamento alla versione premium con un costo di 1,19€ al mese.

Applicazioni per dispositivi iPhone

TapeACall

Per chi ha un dispositivo iPhone, la migliore app consigliata è TapeACall, che, nella versione gratuita permette di registrare il primo minuto di conversazione, mentre con quella estesa, al costo di 9,99€, è possibile registrare qualunque telefonata.

È necessario aprire l’app, selezionare l’icona a forma di cerchio rosso, scegliere Altra chiamata e digitare il numero di telefono della persona da registrare.

Quando l’utente risponde, va premuto il tasto Unisci così da avviare la registrazione, mentre per terminarla basterà premere il tasto rosso con la cornetta telefonica.

Se si tratta di una chiamata ricevuta, invece, si può attivare la registrazione dopo aver risposto, avviando l’app e premendo il tasto rosso al centro, selezionando poi l’opzione Unisci, così da avviare il registratore.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

METTI AL SICURO LE TUE COMUNICAZIONI

Crypty Secure

Crypty Secure

Azienda leader nella sicurezza delle comunicazioni.

ULTIMI POST

CRYPTY TALK

MESSAGGISTICA E CHIAMATE SICURE CONTRO LE INTERCETTAZIONI
BEST APP

CRYPTY BOX

PER NAVIGARE IN MODO SICURO E PROTETTO
BEST APP

ISCRIVITI A CRYPTY NEWS

Ricevi info e news sul mondo della sicurezza delle comunicazioni
Perquisizione informatica trascrizione di dati da pc

Perquisizione informatica: cos’è, norme e come difendersi

La perquisizione informatica è fondamentale per scoprire e provare un illecito.

In sostanza, quando si parla di perquisizione informatica, si intende un approfondimento forense utilizzato come mezzo di acquisizione di una prova.

Sono sempre di più i casi in cui l’autorità giudiziaria ricorre a tale strumento, proprio grazie alla sua utilità nel far ottenere una gran quantità di dati dai dispositivi perquisiti.

Leggi di più
Falla di sicurezza wifi kr00k

Sicurezza Wifi: scandalo Kr00k e come proteggersi

Quando si parla di sicurezza Wifi, le precauzioni non sono mai troppe.

Soprattutto quando proprio di recente si è parlato di una rilevante vulnerabilità proprio in materia di sicurezza Wifi, chiamata Kr00k.

Tanto per cominciare, l’esigenza di avere una connessione sicura è fondamentale, che si abbia a che fare con una rete privata o con una rete interna ad un’azienda.

Leggi di più
fuga di notizie

Fuga di notizie: cos’è e come evitarla

Nella cronaca nazionale e internazionale si sente spesso parlare di fuga di notizie.

Infatti, si tratta di un fenomeno purtroppo molto diffuso entro e fuori l’ambito nazionale, tanto da aver fatto registrare numerosi casi di fuga di notizie, che hanno coinvolto giornali, magistratura e siti web, creando non pochi problemi di tipo pratico.

Leggi di più