I migliori cellulari per la privacy

Sicurezza cellulare: i 3 cellulari migliori per la privacy

La sicurezza cellulare è divenuto ormai un tema fondamentale in materia di privacy.

Infatti, quella della sicurezza cellulare è un’esigenza sempre più avvertita dagli utilizzatori degli smartphone.

In fondo, se ci si sofferma un attimo a pensare, il cellulare è lo strumento che più di tutti utilizziamo quotidianamente e che, sempre di più, ci connette con il resto del mondo, anche in ambito lavorativo, oltre che personale ed affettivo.

Dalle applicazioni social alle mail, dalla galleria fotografica fino alle app che ci permettono anche di eseguire rapidamente e più o meno in sicurezza disposizioni e movimenti bancari.

Nonostante l’indubbia comodità e la evidente praticità di questi sistemi, troppo spesso si sottovaluta il potenziale rischio insito in essi: infatti, sui nostri telefoni cellulari transitano dati sensibili e di fondamentale importanza, che potrebbero arrecare non pochi problemi alla nostra privacy e alla nostra sicurezza, nel caso in cui dovessero cadere in mani sbagliate o in cui dovessero essere intercettati da soggetti interessati, come hacker o cybercriminali. Abbiamo già trattato su come accorgersi se si ha il telefono sotto controllo.

Avere accesso a password, numeri di carte di credito e informazioni personali è più semplice di quanto si pensi.

Ma come fare a rendere il proprio cellulare sicuro e a difendersi dai rischi a cui una simile rete di contatti social e di interconnessione ci espone ogni giorno?

Ebbene, gli strumenti atti ad aumentare il livello di riservatezza e di protezione cellulare dei dati e a ridurre i rischi di furti di identità e inconvenienti simili esistono e oggi ve ne parliamo più nello specifico.

Sicurezza cellulare: come fare?

Sistema di blocco sicuro

Per prima cosa, il nostro consiglio è quello di adottare un sistema di sblocco che sia sicuro, feature implementata dalla più importante app anti intercettazioni Crypty Talk, così da non dare libero accesso a tutti ai vostri dati sensibili: utilizzate un PIN o una password difficile o, meglio ancora, se il vostro cellulare lo prevede, optate per un sistema di sblocco tramite sensore biometrico, quale impronta digitale o riconoscimento del viso.

Niente notifiche sulla lock screen

Un altro accorgimento può essere quello di nascondere le notifiche dalla schermata di blocco del cellulare, che, per intenderci, è quella in cui si visualizzano ora e, appunto, ultime notifiche, ma può accadere che riveli anche informazioni sensibili: per evitare tale rischio, nascondete o limitate le notifiche che vi possono apparire.

Evitate Wi-Fi pubbliche

Ad esporre il vostro cellulare al rischio di furti di dati vi è anche la scorretta pratica di accedere a reti Wi-Fi pubbliche, in quanto queste sono più facilmente soggette ad attacchi informatici e allo sniffing dei dati oppure utilizzare un dispositivo per navigare in modo sicuro e protetto come Crypty Secure Box.

App solo da official store

Inoltre, buona norma sarebbe quella di scaricare le tue app dagli store ufficiali, in quanto sarai certo che siano stati sottoposti ad accurato processo di analisi, relativamente a sicurezza ed eventuali rischi per la privacy.

Attenzione alla privacy policy e ai permessi

Una cosa che potrà farvi storcere il naso, invece, è il consiglio che vi diamo sulla privacy policy: leggetele!

Quando scaricate un’app o vi iscrivere ad un servizio, leggete la policy sulla privacy, in quanto alcuni servizi chiedono il permesso per condividere i vostri dati con terzi, ma non specificano i casi in cui prevedono di farlo.

I termini relativi alla privacy devono essere ben definiti e chiari: se così non fosse, scegliete altri servizi o app, che garantiscano maggiore tutela alla vostra riservatezza.

Altra cosa a cui fare attenzione sono i permessi richiesti dalle app: più permessi vi sono richiesti più rischi corre la tua privacy, soprattutto se questi riguardano fotocamera, microfono e contatti.

Niente smartphone in mano a sconosciuti

Può sembrare banale, ma non dovete farvi abbindolare da coloro che vi chiedono in prestito il vostro cellulare: infatti, si sta diffondendo una trappola conosciuta come ingegneria sociale, nella quale il cybercriminale chiede in prestito il cellulare, anche per una semplice telefonata, approfittando in realtà per ottenere informazioni confidenziali dal cellulare o per scaricarvi software spia, in modo da controllarlo a distanza.

Utilizzate le VPN – Virtual Private Network

Questo sistema, attraverso il tunneling, vi permette di rendere invisibili le vostre attività online, così da nascondere l’indirizzo IP da cui accedete al web.

Cellulari a prova di privacy

Se è vero che tutti gli accorgimenti che vi abbiamo elencato possono essere utili a ridurre i rischi di attacchi alla vostra privacy, il modo migliore per eliminarsi del tutto è ricorrere a cellulari sicuri e a prova di privacy.

Ne abbiamo trovati per voi ben tre che sono considerati i più affidabili e i più efficienti in termini di riservatezza dei dati.

Blackberry Key 2

Il Blackberry Key 2 è un dispositivo che ha una serie di caratteristiche importanti e indispensabili per garantire la sicurezza dei vostri dati, come lettore biometrico di impronte digitali, account sandbox, password manager BlackBerry e VPN.

Altri elementi interessanti sono la possibilità di cancellare i dati dopo un accesso fallito, l’esistenza di una cartella protetta da password e la presenza di chiavi di sicurezza per il processore.

Si tratta di certo del cellulare più sicuro sul mercato, in quanto utilizza anche la crittografia a disco intero e un avvio di sistema operativo certificato.

Ad ogni accensione, ogni componente hardware e software viene scansionato per verificare eventuali intrusioni, che, se presenti, vengono segnalate.

Inoltre, il dispositivo è dotato di piattaforma DTEK, pensata proprio per la tutela della privacy, e di BlackBerry Integrity Detection, un sistema che avvisa l’utente in caso di comportamenti sospetti da parte di app maligne.

Google Pixel

Anch’esso dotato di lettore di impronte, crittografia AES 256, VPN, programma bug bounty e password manager Google Smart Lock.

Il Google Pixel ospita anche la tecnologia sandbox e aggiorna mensilmente le patch di sicurezza, inoltre riceve automaticamente gli aggiornamenti software e le patch di sicurezza.

iPhone X o iPhone Pro

L’iPhone X o iphone Pro ha un costo superiore ai due dispositivi precedenti e adotta il riconoscimento facciale per l’autenticazione, ossia un sistema più sicuro di quello delle impronte digitali.

È dotato di crittografia AES 256, cancellazione dei dati a seguito di accesso fallito e chip hardware dedicato.

Non ha account sandbox né VPN, ma permette di limitare la tracciabilità degli annunci pubblicitari.

Il suo sistema di crittografia si base su chiavi univoche per file e metadati, che sono poi crittografate attraverso altra chiave.

Questi sono i migliori cellulari attualmente sul mercato che hanno un occhio di riguardo alla tua privacy. Non dimenticare però che per avere un maggior grado di sicurezza dovrai comunque affidarti ad applicazioni sicure.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

METTI AL SICURO LE TUE COMUNICAZIONI

Crypty Secure

Crypty Secure

Azienda leader nella sicurezza delle comunicazioni.

Post più letti

ULTIMI POST

NESSUN LOG SALVATO

NESSUNA BACKDOoR

CRYPTY TALK

MESSAGGISTICA E CHIAMATE SICURE CONTRO LE INTERCETTAZIONI
BEST APP

COMPLETAMENTE ANONIMA

CRYPTY BOX

PER NAVIGARE IN MODO SICURO E PROTETTO
BEST APP

ISCRIVITI A CRYPTY NEWS

Ricevi info e news sul mondo della sicurezza delle comunicazioni